Lunezia ed il nuovo momento politico


All'incontro conviviale promosso dall’ associazione Lunezia nei giorni scorsi a Pontremoli ha portato i suoi saluti anche il Sindaco della città, prof.ssa Lucia Baracchini. Insieme al Sindaco di Maissana, on.prof. Egidio Banti, ha fatto gli onori di casa il Presidente, prof. Rodolfo Marchini, il quale ha ringraziato tutti gli intervenuti dalla Lunigiana, da Parma, La Spezia e Massa per le loro intelligenti sollecitazioni e i loro preziosi, costruttivi consigli. “Il confronto delle diverse proposte ci ha consentito di mettere a fuoco le iniziative più opportune per poter far avanzare il progetto ormai antico della Regione Emiliana Lunense in questo nuovo momento politico colorato di gialloverde, due colori che, guarda caso, caratterizzano anche, insieme all' azzurro, la bandiera e la terra luneziane". “Questa Regione era già stata prevista dalla Commissione dei 75 in seno alla Costituente del ’46, per merito di grandi personaggi come Micheli, Sforza, Formentini, Giuliani, Gotelli, e il suo progetto mantiene intatto tuttora un fortissimo fascino. Infatti sono di assoluto rilievo gli effetti socioeconomici che ne deriverebbero agli abitanti di questi importanti territori che nel tempo sono stati sempre più trascurati, se non dimenticati e abbandonati, da un regionalismo del tutto concentrato sulle proprie capitali metropolitane e completamente patrigno verso le terre “luneziane”. Un solo esempio può ben essere significativo: quanti anni ancora dovremo attendere prima che si realizzi la Tirreno-Brennero, ossia il completo raddoppiamento della ferrovia Pontremolese e il collegamento autostradale Cisa-Brennero? Eppure dovrebbe trattarsi di una via di comunicazione plurimodale di rango europeo! E intanto i numerosi pendolari vivono ogni giorno continui e insostenibili disservizi e gli studenti di La Spezia, che in numero crescente scelgono l'università di Parma in alternativa a Pisa o a Genova, devono ancora impiegare oltre due ore di viaggio. “ “Da qui dunque la necessità inderogabile di sottoporre il progetto aggiornato di Lunezia ai vari livelli politici, economici e sociali del versante emiliano e lunense. Ed è quanto si incaricano di fare nei prossimi mesi i membri di Lunezia, con l'auspicio e la convinzione che gli interpreti dell’ attuale stagione politica, con il loro governo del cambiamento legastellato non si vogliano lasciar sfuggire l'occasione di essere protagonisti di un grande riordino istituzionale che possa comprendere anche il ridisegno geografico e funzionale delle Regioni, per renderle finalmente corrispondenti alle aspettative dei cittadini “. Prima dei congedi, la scrittrice “luneziana” Nicla Ghironi ha presentato L'ultimo specchio, il suo recente romanzo breve che ha come protagonista Lunezia, una fanciulla molto ardita, capace di offrire una nuova e più suggestiva visione della vita.